Crea sito
Mito a Quattro Mani


l’oscura forfora delle tenebre

L’Oscura Forfora delle Tenebre

Sesta puntata del demenziale fantathriller urbano. Le puntate precedenti? 1 , 2, 3, 4, 5.

Atto Primo
Scena Quinta

No, non vi anticipo nulla: questa è una vicenda così complicata che se comincio a saltare avanti e indietro mi ci perdo. Abbiamo lasciato Tony con la chiavetta USB a New York e Bjorn in auto con la bionda in accappatoio nel Maine. La nostra storia prosegue a San Francisco nel salone di un…

“Brutto vampiro! Mi aveva promesso uno sconto!”

Che il Conte fosse un vero vampiro non lo sapeva nessuno, a quei tempi. Soltanto il suo aiutante di bottega aveva qualche sospetto, per via delle strane abitudini del Conte e per i suoi racconti estremamente vividi e ambientati in epoche lontane.

Parlo di me in terza persona, e allora? Vi dà fastidio? Lo faceva pure Giulio Cesare e ha fatto un sacco di strada nella vita.

Dei vampiri se ne dicono un sacco, ma non è facile distinguere un vampiro da un fesso qualunque. Per prima cosa, i vampiri odiano gli specchi, ma non è assolutamente vero che gli specchi non riflettono la loro immagine. Semplicemente, i vampiri non vengono bene allo specchio, così come qualcuno viene male in fotografia: la loro carnagione sembra giallastra e i loro occhi spenti; sembrano più paffuti e meno muscolosi, qualcuno persino più basso. Così il Conte stava sempre alla cassa, che è il posto più adeguato a un succhiasangue.

Ma no, la luce non lo riduceva in cenere e neppure gli conferiva un alone luminoso. Quelli sono effetti speciali che costano cari, e qui gli autori si tengono stretti con le spese.

La bottega del Conte era piccola ma situata in una strada parecchio trafficata e quindi il lavoro non mancava. Nonostante fosse un vampiro, i suoi prezzi erano tutto sommato abbastanza contenuti e questo contribuiva ad affollare il locale. Il Conte era vecchio, vecchissimo. Nessuno sapeva quando fosse nato, ma ogni volta che saltava fuori un qualsiasi argomento, dalle piramidi in poi, lui sorrideva sotto i baffi ben curati con l’espressione sorniona che voleva sottointendere “io c’ero”. Però tutti quei secoli se li portava bene! Sembrava un arzillo sessantenne, con i capelli grigi tagliati alla Cary Grant e dei baffetti alla David Niven. Di tutti i luoghi comuni sui vampiri, l’unico che aveva una qualche fondamento con il Conte era l’allergia alla croce. Ogni volta che si lanciava una moneta lui sceglieva testa. Matematico.
Un altro problema del Conte era con l’aglio. Ogni volta che sentiva odore d’aglio, chissà per quale ragione, cominciava a parlare con la erre moscia. Certo, non sembrava un problema insormontabile, ma quando il negozio accanto al tuo era un kebabaro che friggeva falafel tutto il santo giorno, la situazione diventava pesante.

Quanto al suo assistente, era un giovane elegante e distinto dall’intelligenza fuori dal comune e dal vivace senso dell’umorismo.

Questa è la mia storia, è chiaro? La racconto come pare a me.

La maggior parte dei tagli era affidata all’assistente, Steve, mentre il Conte si occupava della cassa e, stranamente, della pulizia del pavimento. Non lasciava quell’incombenza a nessuno, neppure ai garzoni che negli anni aveva assunto e licenziato a seconda di come andavano gli affari.

Quel giorno, il Conte ricevette visite: una coppia giovane. Entrambi erano alti, belli e biondi, lui con una barbetta ben curata, lei senza. Lei con uno splendido paio di tette e lui no. Insomma, erano due che attiravano l’attenzione. Appena entrati si fiondarono a parlare con il Conte.
“Qui bisogna proprio pavlave.” Esordì barbetta bionda. “Oh povca puttana, c’è aglio da queste pavti!”
“Bisogna favci l’abitudine”, rispose con filosofia il Conte.
“Quanto è fidato il tuo assistente?” chiese belle tette che era evidentemente più scaltra dell’amichetto, visto che evitava le erre con disinvoltura. “Discutiamo qui o ci spostiamo in un posto dove non c’è nessuno?”
“Vitiviamoci a pavlarve nel vetvobottega, se non vi dispiace”, propose maldestramente il Conte.

(continua)

L’Oscura Forfora delle Tenebre

Quinta puntata del demenziale fantathriller urbano. Ci stiamo avvicinando alla fine? Ma neanche per sogno! Le puntate precedenti? 1 , 2, 3, 4.

Atto Primo
Scena Quarta

Lo giuro sulla testa dei vostri figli: non sto prendendo tempo! Quello che vi racconto è tutto collegato alla nostra vicenda. Aspettate e vedrete. D’altra parte mi avete detto di vuotare il sacco. Non è colpa mia se il sacco è bello capiente.

L’appartamento era ancora buio, nonostante il sole stesse sorgendo. La ragazza non accese la luce ma si mosse in punta di piedi ed entrò nel salone con cautela. Era una bionda, giovanissima e dal viso angelico. Il suo abbigliamento non lasciava nulla all’immaginazione: indossava soltanto un paio di calze autoreggenti bianche. Puntò dritta verso il computer.
C’era pochissimo tempo: per fortuna il disco esterno era lì sul tavolo, un affarino da 2,5 pollici che conteneva un terabyte di informazioni compromettenti!
Lo staccò dalla presa USB e si guardò intorno. Dannazione! I suoi vestiti erano rimasti nella stanza da letto e lei non poteva rischiare che Sam si svegliasse. Acchiappò al volo un accappatoio bianco dal bagno, se lo infilò e uscì silenziosamente dalla porta.
L’uomo era di fronte alla casa, appostato dietro un albero. “Ce l’ho fatta, tenente! Ce l’ho qui”, sussurrò la ragazza.
L’uomo sorrise. “Ottimo lavoro, agente. Ma perché sei in accappatoio?”
“E’ una storia lunga”, tagliò corto lei. “Dove hai la macchina?”
“Due isolati da qui”, rispose il tenente. “Adesso…” Un suono soffocato l’interruppe.
Il poliziotto guardò sorpreso la macchia di sangue spargersi sul suo torace, quindi scivolò a terra.
La ragazza restò impietrita dalla shock per un istante, quindi si chinò per aiutarlo. “Tenente? Tenente!”
L’uomo la guardò. “Abbi cura di quel disco. Adesso solo tu puoi…”
“Non può neppure lei”, fece una voce beffarda. Due uomini in uniforme la guardavano da dietro le pistole spianate. Entrambe avevano il silenziatore. “Ma che peccato! Il tenente e la novellina frequentavano un trafficante di droga e sono stati uccisi dal loro stesso compare. Meno male che siamo intervenuti noi e abbiamo preso il cattivo.”
La ragazza si alzò in piedi con il viso distorto dalla rabbia. “Bastardi! Non c’è nulla di più schifoso di un poliziotto corrotto! Come osate portare quell’uniforme!”
“Però, niente male la novellina!”, disse l’altro poliziotto. “Se ce la spassassimo un po’ con lei, prima di liberarcene?”
“No, non possiamo lasciare tracce”, rispose l’altro, con un pizzico di rammarico. Poi guardò la ragazza. “Sono spiacente, ma tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino. Hai ficcato il naso dove non dovevi e adesso sei fritta.”
“Se posi quella pistola, ti farò vedere io chi è fritto! Ti riduco a una polpetta, razza di salame! Ti apro come una noce! Ti spiaccico come una pizza!”

Sì, lo sto facendo apposta. Mi avete rinchiuso in questa stanza degli interrogatori senza nulla da mangiare? E adesso vi godete la fame anche voi.
D’accordo, cinese va bene. Per me doppia porzione di involtini primavera con salsa piccante e manzo con cipolline. E mi raccomando le birre: la serata sarà lunga.
Dove ero rimasto?

I due poliziotti indietreggiarono di un paio di passi, sogghignando, fino a scendere dal marciapiede.
“Che paura! E’ proprio una furia, questa ragazza. Mi dispace quasi premere il…”
Il fuoristrada blu li colpì in pieno, gettandoli a una decina di metri come pupazzi dopo uno spettacolo.
Il finestrino si abbassò e spuntò una testa cornuta. La ragazza impiegò qualche secondo ad accorgersi che si trattava solo di un ragazzo con un elmo vichingo in testa.
Il nuovo arrivato urlò qualcosa in una lingua incomprensibile, quindi ripetè in inglese: “Santa vacca, ho colpito dei poliziotti!”
Lei scosse la testa, come per ritrovare il senno. I due agenti si stavano muovendo: uno di loro cercava di rialzarsi. La giovane prese una decisione improvvisa. Corse alla macchina, aprì la portiera e salì precipitosamente accanto al vichingo. “Via, di corsa!” gli ordinò.
Lui esitò.
“Di corsa, scemo cornuto!” Urlò la ragazza, dandogli una botta sull’elmo. Un foro sul vetro sottolineò le sue parole.
L’auto schizzò via, superando i due poliziotti che le sparavano contro.

(continua)

L’Oscura Forfora delle Tenebre

Quarta puntata del demenziale fantathriller urbano.  Cambio rapido di scena: da New York l’insonne ci spostiamo sulle coste del Maine, al sorgere del sole.
Le puntate precedenti? 1 , 2, 3.

Atto Primo
Scena Terza

Ma no! Come faccio a sapere cosa c’era nella chiavetta! Sì, si parlarono. Un po’ di pazienza, per favore. Sto cercando di raccontare i fatti in un certo ordine. Lasciamo un attimo Tony nel parcheggio, perché a questo punto entrano in gioco…

La drakkar era poco più di una sagoma scura nel cielo che precedeva l’alba. La sua testa da drago marino spuntò all’improvviso, quando il disco del sole sbucò pallido dal mare. In silenzio, la grande imbarcazione si allontanò dalla costa a vele spiegate.
L’uomo aprì gli occhi solo allora, tastando il terreno intorno alla ricerca dei suoi occhiali. Li trovò quasi subito e fece per strofinarli sulla maglietta, quando si rese conto di indossare la pesante cotta di maglia. Li inforcò e vide confusamente, tra la sabbia e le ditate, la drakkar prendere il largo verso il sole. Impiegò qualche istante a rendersi conto che si erano dimenticati di lui.
“Oh no!” esclamò, alzandosi in piedi. Fece un gesto con entrambe le mani in direzione della barca. Poi cominciò a strillare e a saltare. La drakkar si allontanava tranquilla. Vista dalla spiaggia, la situazione sembrava surreale. Era arrivato in America dalla Scandinavia, effettuando la traversata che era stata attribuita ai vichinghi con i suoi amici del gruppo di rievocazione storica. Ed era stato dimenticato sulla costa, vestito da guerriero d’epoca. Si mise in testa l’elmo cornuto e recuperò lo spadone, quindi si guardò intorno. A parte i resti del fuoco non c’era nulla. I suoi compagni avevano raccolto persino le lattine vuote, ma avevano lasciato lui. Poco male, si disse confusamente: era biodegradabile. Poi si scosse, cercando di mettere in funzione il cervello. Solo soletto in una spiaggia del Maine, senza denaro, carta di credito, documenti, vestiti, telefono. Di sicuro Eric il Rosso avrebbe escogitato qualcosa. La prima cosa da fare era procurarsi… Cosa? Fuoco? Cibo? Vestiti? Birra? Forse sarebbe stato meglio evitare la birra, visto che la bionda bevanda aveva buona parte della responsabilità di quella situazione incresciosa.
Definirlo giovane era sicuramente esagerato. Bjorn aveva quasi trent’anni, anche se ne dimostrava qualcuno di meno. Era di media statura, con corti capelli color carota e dotato di una bella pancia da anfora greca. Anche il viso dai tratti regolari era cicciotto, e con le guance rubiconde dava l’impressione di scoppiare letteralmente di salute e allegria. Impressione che ora era rovinata dalla sequela di imprecazioni svedesi che sfrigolavano nell’aria del primo mattino.
S’incamminò rapidamente verso l’interno, con la pancia che ballava e il disperato bisogno di un caffè. Il sole ormai era sorto del tutto e Bjorn cominciava a rendersi conto della gravità della propria situazione, mentre cercava disperatamente un segno di civiltà. Procedendo per un paio di chilometri verso l’interno, vide in lontananza dei campi coltivati e udì il suono delle campane. Recitando un silenzioso ringraziamento a Odino, accelerò il passo senza badare allo spadone che ballava fastidiosamente, di traverso sulla schiena e agli anelli di maglia che gli si infilavano nella ciccia ad ogni passo. Ah, maledetti vichinghi masochisti! Che diavolo avevano contro i soffici giacconi di pelliccia?
Il villaggio, se davvero di un villaggio si trattava, era limitato a qualche casa rustica, una piccola chiesa e a un viale asfaltato con un emporio e parecchi fuoristrada parcheggiati. Poi, campi coltivati, campi coltivati e ancora campi coltivati.
Si avvicinò alla chiesa, lievemente imbarazzato per via del suo abbigliamento. Che chiesa era? Protestante? Cattolica? Probabilmente quella roba che si erano portati i padri pellegrini quando erano sbarcati nel Maine. Sì, quei tipi con i cappelli strani e i tacchini che ringraziano.
Stava sulla soglia della chiesa, con la porta socchiusa, tendendo le orecchie a quello che sembrava il sermone di un prete, e che probabilmente era il discorso del pastore. O quel che era. Per forturna Bjorn parlava un po’ d’inglese. Comunque lo capiva assai meglio di come lo parlasse. L’interno era poco illuminato e quindi dalla porta non si vedeva un accidenti.
“Alcuni di voi potrebbero pensare che il diavolo sia una metafora”, stava dicendo il pre… il pastore. “Ma è terribilmente reale, e se il gregge del Signore dovesse continuare questa vita peccaminosa delle città, un giorno egli busserà alle nostre porte, orrido e deforme mostro cornuto.”
Bjorn si arrestò a metà di un passo, portando la mano sull’elmo vichingo che aveva ancora in testa.
“Ops”, mormorò, mentre l’intera chiesa si girava a guardare la sagoma che entrava con il sole alle spalle.
Bjorn girò su se stesso e se la diede a gambe levate, mentre echeggiava il primo colpo di doppietta. Entrò in un fuoristrada blu mentre il secondo colpo passava qualche centimetro sopra l’elmo. Girò la chiave, che fortunatamente era nel quadro, e diede gas, lanciandosi in una partenza degna di una Ferrari di formula uno. Il terzo colpo infranse il vetro posteriore, ma lasciò lo svedese incolume, anche se visibilmente provato.
“Altro che Odino, qui c’è lo zampino di Loki!”

(continua)

L’Oscura forfora delle tenebre

Terza puntata del demenziale fantathriller urbano.  La prima parte è disponibile qui e la seconda qui.

Atto Primo
Scena Seconda

Se avete intenzione di chiedermi dove avvenne quell’incontro, tenetevi stretta l’intenzione e non fatemi certe domande: non ero presente e poi ci tengo alla pelle! Vi basti sapere che…

Il parcheggio sotterraneo era buio e puzzava. Tutti i parcheggi puzzano e se sono sotterranei sono poco illuminati, ma quel parcheggio sembrava più oscuro e puzzolente della maggior parte degli altri parcheggi. Visto che la guida Michelin non attribuisce stelline ai parcheggi sotterranei, dovrete fidarvi di quello che dico.
Tony e i suoi aspettavano davanti alla loro auto, un fuoristrada nero dall’aria costosa, e nell’attesa navigavano su Facebook sugli smartphone.
“Ehi, capo. Ti ho inviato una richiesta per Farmville. Mi serve aiuto per costruire il pozzo”, esordì Ricky.
Tony lo guardò con un’espressione omicida dipinta sul viso, poi scosse la testa e lasciò perdere. I suoi uomini avevano spesso incombenze che prevedevano lunghe attese. Farmville era pur sempre una distrazione meno pericolosa di Youporn.
“Buonasera”, salutò una voce maschile in lontananza. A una quindicina di metri, una figura in impermeabile era in piedi dietro i fari dell’auto, in modo da apparire indistinta, impossibile da riconoscere.
“E’ una bella serata, compare”, convenne Tony. “Vi ha mandato Peppino?”
“Peppino del ristorante”, precisò l’uomo in impermeabile.
“Quello sempre aperto”, aggiunse il mafioso.
“Va bene, allora tu sei davvero Tony Accesi”, annunciò l’altro.
“E tu sei proprio quel cretino che mi fa perdere tempo con queste stronzate delle parole d’ordine”, rise Tony. “Allora, coglionazzo, questi sono i miei uomini più fidati, Ricky e Martin. Svuota il sacco e dimmi in che cosa consiste il lavoro.”
“Dovresti mostrare un po’ di rispetto, sono io che pago”, protestò l’altro.
“Il rispetto non si compra”, sentenziò il boss. “Non ho tutta la notte a disposizione, e questo parcheggio non mi piace.”
“Non ti aspetterai che parli di affari in questo posto?”
“Ma se il posto l’hai scelto tu!” Tony sbuffò.
“Capo, lo posso sforacchiare? Solo un pochino”, gli chiese Martin, estraendo il ferro dalla fondina.
“Stai buono picciotto. Tieni, prendi il mio smartufone e vai a costruire il pozzo di Ricky.”
“Allora, uomo impermeabile, dov’è che andiamo a parlare?”
“Non parliamo affatto”, annunciò l’altro, lanciando un piccolo oggetto di plastica di fronte al boss. “Quella è una chiavetta USB: ci troverai le informazioni che ti occorrono per stabilire una comunicazione sicura con i miei capi. Una volta che le avrai lette con attenzione, dovrai distruggere la chiavetta. Posso fidarmi?”
“Ma che minchione sei?! Pure la chiavetta, adesso? Ti costerà un extra, farmi perdere tutto questo tempo.”
“Anche i muri hanno orecchie, Tony”, gli disse l’uomo, mentre saliva in auto. “Ricordati di distruggere la chiavetta.”
“Fanculo tu e la chiavetta”, lo salutò cortesemente il boss, mentre si chinava a raccogliere l’oggetto.

(continua)

L’Oscura forfora delle tenebre

Ecco, la seconda allucinante puntata del delirante thriller L’Oscura Forfora delle Tenebre. La prima puntata la trovate qui.

Atto Primo
Scena Prima

Era la notte tra il 21 e il 22. Del mese scorso, certo! Che razza di domande! Avete presente quel lungo ponte di ferro, dedicato a Robert F. Kennedy, che unisce il Queens con Manhattan? Bene, la nostra storia comincia lì.

Tony era un uomo alto e robusto, quello che si definisce tecnicamente un “armadio”. Aveva un passo leggiadro come quello di un ippopotamo ed era assai poco contento della piega che stava prendendo la conversazione. D’altra parte Tony era quasi sempre poco contento, il suo ruolo nella mafia newyorkese lo prevedeva da contratto.
I suoi ragazzi Ricky e Martin avevano quasi la sua stazza. Ricky era giovane, portava un berretto da baseball ed esibiva un sorriso poco intelligente. Martin aveva una cinquantina d’anni, era calvo e zoppicava leggermente per qualche antica e dimenticata ferita di gioventù. I due tenevano fermo un giovane dall’aria spaventata.
“Vedi, Frank, da noi i debiti vanno pagati”, spiegò il boss con raffinato accento italoamericano. Aveva seguito da poco un corso di perfezionamento e ora poteva usare anche le espressioni più contorte senza inciampare nella pronuncia.
“Ti prego, Tony! Dammi ancora 48 ore per trovare i soldi!”
“Fammi un piacere, Franky: smettila di implorare, che sennò mi fai commuovere e non mi piace piangere mentre getto le persone dai ponti.”
“Noooo!” Urlò l’altro, cercando invano di divincolarsi.
“Ti piace il bungee jumping, Frank?” Tony sorrideva impietosamente, mentre Ricky gli legava una fune alla caviglia. “Martin, rendiamo lo spettacolo pirotecnico!”
Lo scagnozzo rise e versò un liquido puzzolente addosso al malcapitato. Mentre lo buttavano giù dal ponte, Ricky gli avvicinò l’accendino al viso, trasformandolo in una palla di fuoco che cadeva urlante verso le scure acque del fiume.
“E’ sempre stata una testa calda”, commentò il boss, guardando dal parapetto. “Prende fuoco per una quisquillia!”
Ricky sorrise. “Che spettacolo! Un pendolo di fuoco! La corda ignu… ignigufa…”
“Ignifuga, testa di rapa!”
“Quel che è. E’ stata una bella idea.”
“Dove andiamo, capo?” chiese Martin, mentre si incamminavano verso la riva in direzione del Queens.
“Picciotti, andiamo a trattare con una famiglia davvero potente. Un po’ strana, visto che tratta certi affari solo a tarda notte, ma potente assai. Si tratta di una mucca ben pasciuta che aspetta soltanto di essere munta da noi.”
“Ci diamo al formaggio?”
“Zuccone, era una metafora! Ti ricordi dove abbiamo parcheggiato?”
“Non sapevo che le metafore si facessero con il latte, capo”, si scusò Martin. “Abbiamo parcheggiato da quella parte, vicino al distretto di polizia, che così non ci fregano la macchina.”

 

(continua)

L’Oscura forfora delle tenebre

Ecco, la prima puntata del delirante thriller L’Oscura Forfora delle Tenebre. Questa roba qui (chiamarla racconto è un po’ eccessivo) nasce da uno scherzo che contemplava un elenco di titoli spiritosi e una breve descrizione della trama. Come spesso accade, lo scherzo si è rivoltato contro il suo autore, che è stato costretto dai suoi lettori a scrivere il “racconto” demenziale. Così, per stare al gioco, ecco qui il frutto del doppio scherzo. A puntate e senza impegno.

Prologo

Sì. Lo so, lo so. Non si parla d’altro. Storie romantiche o maledette, l’amore che sboccia tra il non morto e l’umana, le lotte tra coloro che sono diversi e vivono tra noi in gran segreto. Lo so. Ma sono solo storie. Magari storie raccontate per farvi sognare o per farvi correre un brivido gelido lungo la schiena. Oppure storie seriali, digitate su una tastiera per vendere un libro o farsi un nome. Storie confezionate per voi. Perché la verità, se mai la veniste a sapere, non vi strapperebbe un sospiro romantico o un sussulto inquieto. Vi farebbe fuggire via, lontano, orripilati, sconvolti, terrificati.

Dei testimoni di quelle atroci, oscure vicende che gettarono un’intera cittadina nelle tenebre resto solo io. E non sono uno scrittore o un poeta. Non vivo di delitti e castighi, di armi e battaglie. Sono un apprendista parrucchiere, armato di scopa e paletta, profondo conoscitore dei segreti delle tinture e saggio quanto le chiacchiere di bottega. Non avrei mai raccontato questa storia se non avessi ricevuto l’offerta che non potevo rifiutare, e così ne parlai a Tony. Voi sbirri non potete capire: siete alti, muscolosi e qualcuno di voi sembra uscito da quei telefilm che qualche volta interrompono la pubblicità in tv, pieni di coraggio ed incoscienza. Che ne potete sapere, voialtri, di come si sente quando è sotto ricatto uno di noi, una persona comune? Tony aveva fatto rapire la mia mamma, povera donna. E se io non avessi parlato avrebbe premuto quel dannato pulsante riempiendo la stanza di quel veleno, l’intera collezione delle canzoni di Gigi D’Alessio. Non potevo tacere!

Così Tony finì quello che altri avevano cominciato e pagò il prezzo della sua stessa follia. E questo è l’ultimo atto, l’ultima testimonianza. Potete anche scrivere questa storia, se volete. Potete raccontarla. Ma non vi crederanno, perché la gente vuole vivere tranquilla, perché certi orrori non devono uscire allo scoperto per turbare la nostra illusione di normalità. La vostra illusione, perché ormai la mia è stata brutalmente infranta.

Vorrei solo andare via, nascondermi da qualche parte, ma visto che non mi lascerete in pace finché non avrò vuotato il sacco, vi narrerò tutta la storia, così saprete tutto. E non vedrete mai, mai più il mondo nello stesso modo. Non alzerete mai più le spalle quando un calzino si smaterializzerà nella vostra lavatrice. Non ignorerete più le scie chimiche in cielo e quando al mercato incontrerete l’immancabile immigrato che vende l’aglio in sacchetti lo guarderete con occhi diversi.

Sì, parlerò. Ma voglio proprio vedere come presenterete il rapporto ai vostri superiori, come racconterete ai media questa vicenda! Ammesso che avrete il fegato di farlo, perché una cosa è rischiare la vita da eroi, affrontando le pallottole dei criminali, e un’altra è rischiare di passare per matti e leggere la compassione nello sguardo dei vostri amici e colleghi.

Mettetevi comodi, però, perché è una storia lunga e complessa, contorta come una cravatta lasciata in un cassetto già pronta da uno che non sa fare il nodo. E portatemi una birra fresca: raccontare mi fa venire sete.

Tanto, tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…

(continua)