Crea sito
Mito a Quattro Mani


La Resa degli Innocenti

La_resa_degli_in_5310da12229c1La Resa degli Innocenti
di Irma Panova Maino
Pagine: 162; EEE (Edizioni Esordienti E-book); 2014
ISBN: 978-88-6690-185-3
Ebook: 3,99 €

Cosa fareste se rapissero uno dei vostri figli? E cosa sareste disposti a fare per ritrovarlo? Queste le domande di partenza che si è posta Irma Panova Maino per scrivere un romanzo duro, a tratti crudo, che non lascia indifferenti. Con quel pizzico di sovrannaturale che caratterizza tutte le opere di questa autrice.
Barbara è una donna dolorosamente segnata dalla vita per la morte del marito in un grave incidente, ma supera il momento terribile quando si accorge di essere incinta: è il piccolo Marco a darle, per dodici anni, la forza e il coraggio di continuare a vivere. Ma un giorno, una nuova tragedia la travolge: il figlio scompare nel nulla, senza lasciare alcuna traccia. Questo le permette ancora di sperare, di ipotizzare che il piccolo non sia morto, ma che sia stato rapito. Inutile farsi illusioni, certamente la verità che si cela dietro quella scomparsa non può essere che drammatica, ma una madre ha il bisogno di sapere. Marco è stato rapito da chi voleva venderne gli organi, per farlo entrare nel lubrico circuito della pedofilia o per quali altri abietti motivi?
Dopo un terribile periodo di depressione, la donna reagisce a suo modo, trasformando se stessa in un’arma letale, disposta a tutto, nascondendo sotto una scorza impenetrabile un cuore che non smette di sanguinare, mostrando all’esterno soltanto durezza e feroce determinazione. Barbara diventa Rian, spietata giustiziera, alla ricerca di qualche traccia del figlio.
Una singolare figura maschile le sarà accanto fino alla fine, fino a quando lei troverà tutte le risposte che cerca e anche l’unica pace possibile.

Trailer

Recensione

In un thriller il ritmo è fondamentale: parallelo alla colonna sonora di un film dello stesso genere, invoglia il lettore a seguire un cammino emozionale accuratamente costruito. L’autrice è una vera maestra nel sedurre il lettore con la lenta, raffinata e poetica interiorità della protagonista per passare alla cruda realtà in quel battito di ciglia che separa il pensiero dal mondo fisico. Una musica fatta di parole e di ritmo puro per un romanzo estremamente curato, dosato, costruito con la naturale precisione di un alchimista per l’emozione del lettore, un’immersione sensoriale nell’incubo che non può lasciare indifferenti.

La Resa degli Innocenti è un viaggio oscuro nella follia più profonda: porta il lettore a percorrere, o a ripercorrere, il cammino nell’immaginario “cosa farei se…”, in cui non esiste speranza, redenzione o crescita, in cui l’umanità è confinata in una scintilla flebile, ma proprio per questo preziosa come una gemma, chiusa a chiave nel vano tentativo di impedirle di interferire con la missione che ci si è dati. Infatti, quello che rende estremamente lucida la follia della protagonista non è solo il bisogno spasmodico, delirante di vendetta è proprio il residuo di umanità, che esige di nobilitare la propria autodistruzione, darne un senso e un fine superiore. In questo senso, Irma Panova Maino esplora l’estremo confine della mente, quello che nessuno vorrebbe mai raggiungere, ma al massimo immaginare a freddo, con il giusto distacco. Ma il ritmo raffinato e il linguaggio ricco e denso sono troppo coinvolgenti per lasciare una via d’uscita: intrappolano il lettore all’interno di una nave che si sporge pericolosamente dal bordo del mondo.

La scelta dei temi, dei personaggi, delle situazioni che dipingono l’atmosfera e che costituiscono le tappe di questo viaggio danno un sapore terribilmente attuale a un dramma che, insito nella natura umana, è senza tempo e senza luogo. Ne La Resa degli Innocenti non c’è nulla di casuale o di arbitrario: ogni scelta è funzionale al racconto, necessaria, piena di significato. Per quanto sia particolareggiato e dettagliato, ampio e complesso, il romanzo non ha pause, guida l’emozione del lettore dall’inizio alla fine. L’incubo della protagonista si allaccia a storie che la cronaca ci propone. Ma la cronaca è superficiale, perché senza poesia non esiste viaggio nella profondità dell’animo umano.

Su EEE: http://www.edizioniesordienti.com/component/virtuemart/novit%C3%A0/la-resa-degli-innocenti.html#.U0FROKLyTPo
Su Amazon: http://www.amazon.it/dp/B00IQ4N5ZO

3 Comments

  1. Irma Panova Maino
    Apr 06, 2014 @ 16:51:08

    Non ho parole per descrivere l’emozione che ho provato nel leggervi… grazie per la splendida recensione.

    • a4mani
      Apr 06, 2014 @ 19:15:57

      Grazie a te per lo splendido libro che hai scritto!

    • Irma Panova Maino
      Apr 15, 2014 @ 10:30:38

      Grazie di tutto!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.