Crea sito
Louis Gitanes e il Signore dei Sogni


faerie

La musica di Daighre – di Manuela Leoni

Contea di Cork – 21 Giugno 2016 – Tardo pomeriggio.

Le mani nodose correvano sulle corde della piccola arpa di legno scuro, quasi avessero ritrovato l’elasticità della giovinezza. Le note limpide si spandevano nell’aria, la melodia si mescolava con il vento fresco che spirava dall’oceano, lontano, in basso ai piedi della scogliera.
L’uomo sedeva nell’erba, un mare di verde smeraldo ed erica intorno a lui: i capelli bianchi, lunghi, raccolti in una coda bassa, il viso di angoli e spigoli finalmente disteso, lo sguardo negli occhi grigi rapito e distante. La sua figura asciutta si stagliava contro il cielo azzurro solcato dal bianco delle nuvole, i jeans sdruciti leggermente bucati sulle ginocchia, la maglietta dei Led Zeppelin scolorita dal tempo che avvolgeva le sue spalle ancora muscolose.
La sera del solstizio d’estate si avvicinava e lui sentiva l’aria vibrare intorno a sé, all’unisono con le corde dell’arpa. Il piccolo cerchio di pietre nere alle sue spalle scintillava nel sole e lui sentiva la sua energia cercare di raggiungerlo. Quasi. Non ancora.
Era già stato lì. In un altro tempo. Un tempo in cui i suoi capelli avevano il colore delle pietre alle sue spalle. Un tempo in cui le sue mani non dolevano correndo sulle corde dell’arpa. Un tempo in cui il suo cuore era stato intero, la sua vita nelle sue mani, il mondo ancora un luogo magico da esplorare. Un tempo in cui le cose erano semplici e lui non aveva ancora visto oltre il Velo e perso il suo cuore e la sua anima in un sogno.

Continua a leggere

La musica di Daighre

La musica di Daighre di Manuela Leoni Contea di Cork – 21 Giugno 2016 – Tardo pomeriggio. Le mani nodose correvano sulle corde della piccola…

Italia Fantastica

Vi ricordate il “fatabase” creato da Kate Lacourse nella Foresta degli Incanti?
Il sito delle Penne Matte ha realizzato una mappa dell’Italia fantastica che si avvicina molto al concetto del “fatabase”.
E… sorpresa… tra gli autori mappati ci siamo anche noi.

Samhain night – di Manuela Leoni

ninestonesclosenight1

Qui seduta
Sotto le stelle
Nel cerchio di pietre
Attendo
Le candele illuminano il cammino

Vieni
Amore mio
In questa notte
Quando il velo è sottile
Tra i mondi

La tua luce
Mi guida
Amore mio
Oltre il velo
Tra i mondi

Vieni
Amore mio
Ho portato per te
Pandolce e miele
E il sacro idromele

Il tuo profumo
E’ il mio faro
Caprifoglio
Sottile ricordo
Dell’estate dorata

Vieni
Per questa notte
Tra le mie braccia
Frementi in attesa
Riposa nel mio calore

Il banchetto
Ci attende
Mangiamo e danziamo
Insieme amore mio
Qui sotto le stelle

Qui tra le tue braccia
Qui tra le mie braccia
Ancora
Per questa notte magica
Amore mio
Amore mio
Nel cerchio incantato
Della danza sacra
I nostri corpi uniti
Celebrano i misteri.

31 ottobre ’15

Samhain night – di Manuela Leoni

Qui seduta Sotto le stelle Nel cerchio di pietre Attendo Le candele illuminano il cammino Vieni Amore mio In questa notte Quando il velo è…

Mito a Quattro Mani

Poco più di un anno fa, abbiamo confezionato in e-book la nostra prima raccolta, con il titolo di Primavera a Quattro Mani. Si trattava di…

Il Faerie – di Manuela Leoni

Danzano Spirali di note nel vento Mi avvolge Il profumo dei giunchi Lontano Tra le nubi scompare Ali spiegate La creatura incantata Che ho amato…