Crea sito
La Foresta degli Incanti


racconti

L’Oscura Forfora delle Tenebre

Sesta puntata del demenziale fantathriller urbano. Le puntate precedenti? 1 , 2, 3, 4, 5.

Atto Primo
Scena Quinta

No, non vi anticipo nulla: questa è una vicenda così complicata che se comincio a saltare avanti e indietro mi ci perdo. Abbiamo lasciato Tony con la chiavetta USB a New York e Bjorn in auto con la bionda in accappatoio nel Maine. La nostra storia prosegue a San Francisco nel salone di un…

“Brutto vampiro! Mi aveva promesso uno sconto!”

Che il Conte fosse un vero vampiro non lo sapeva nessuno, a quei tempi. Soltanto il suo aiutante di bottega aveva qualche sospetto, per via delle strane abitudini del Conte e per i suoi racconti estremamente vividi e ambientati in epoche lontane.

Parlo di me in terza persona, e allora? Vi dà fastidio? Lo faceva pure Giulio Cesare e ha fatto un sacco di strada nella vita.

Dei vampiri se ne dicono un sacco, ma non è facile distinguere un vampiro da un fesso qualunque. Per prima cosa, i vampiri odiano gli specchi, ma non è assolutamente vero che gli specchi non riflettono la loro immagine. Semplicemente, i vampiri non vengono bene allo specchio, così come qualcuno viene male in fotografia: la loro carnagione sembra giallastra e i loro occhi spenti; sembrano più paffuti e meno muscolosi, qualcuno persino più basso. Così il Conte stava sempre alla cassa, che è il posto più adeguato a un succhiasangue.

Ma no, la luce non lo riduceva in cenere e neppure gli conferiva un alone luminoso. Quelli sono effetti speciali che costano cari, e qui gli autori si tengono stretti con le spese.

La bottega del Conte era piccola ma situata in una strada parecchio trafficata e quindi il lavoro non mancava. Nonostante fosse un vampiro, i suoi prezzi erano tutto sommato abbastanza contenuti e questo contribuiva ad affollare il locale. Il Conte era vecchio, vecchissimo. Nessuno sapeva quando fosse nato, ma ogni volta che saltava fuori un qualsiasi argomento, dalle piramidi in poi, lui sorrideva sotto i baffi ben curati con l’espressione sorniona che voleva sottointendere “io c’ero”. Però tutti quei secoli se li portava bene! Sembrava un arzillo sessantenne, con i capelli grigi tagliati alla Cary Grant e dei baffetti alla David Niven. Di tutti i luoghi comuni sui vampiri, l’unico che aveva una qualche fondamento con il Conte era l’allergia alla croce. Ogni volta che si lanciava una moneta lui sceglieva testa. Matematico.
Un altro problema del Conte era con l’aglio. Ogni volta che sentiva odore d’aglio, chissà per quale ragione, cominciava a parlare con la erre moscia. Certo, non sembrava un problema insormontabile, ma quando il negozio accanto al tuo era un kebabaro che friggeva falafel tutto il santo giorno, la situazione diventava pesante.

Quanto al suo assistente, era un giovane elegante e distinto dall’intelligenza fuori dal comune e dal vivace senso dell’umorismo.

Questa è la mia storia, è chiaro? La racconto come pare a me.

La maggior parte dei tagli era affidata all’assistente, Steve, mentre il Conte si occupava della cassa e, stranamente, della pulizia del pavimento. Non lasciava quell’incombenza a nessuno, neppure ai garzoni che negli anni aveva assunto e licenziato a seconda di come andavano gli affari.

Quel giorno, il Conte ricevette visite: una coppia giovane. Entrambi erano alti, belli e biondi, lui con una barbetta ben curata, lei senza. Lei con uno splendido paio di tette e lui no. Insomma, erano due che attiravano l’attenzione. Appena entrati si fiondarono a parlare con il Conte.
“Qui bisogna proprio pavlave.” Esordì barbetta bionda. “Oh povca puttana, c’è aglio da queste pavti!”
“Bisogna favci l’abitudine”, rispose con filosofia il Conte.
“Quanto è fidato il tuo assistente?” chiese belle tette che era evidentemente più scaltra dell’amichetto, visto che evitava le erre con disinvoltura. “Discutiamo qui o ci spostiamo in un posto dove non c’è nessuno?”
“Vitiviamoci a pavlarve nel vetvobottega, se non vi dispiace”, propose maldestramente il Conte.

(continua)

Ade-15

Ade-15 di Andrea Marinucci Foa Credo che tu possa capirmi, adesso. Era difficile sintonizzarci, perché questa comunicazione avviene solo a livello di modulazione elettromagnetica. Sottile…

Ade-pressione

Ade-pressione di Andrea Marinucci Foa “No, non mi disturbi. Cioè sì, ma non fa nulla. Sono le tre del mattino, non hai più il senso…

Ade-lizioso

Ade-lizioso di Manuela Leoni Era ancora estate e Sofi si annoiava a morte nella sua casa di campagna, con l’unica compagnia di sua madre Demi…

Ade-lirio

Ade-lirio di Andrea Marinucci Foa “Hey, baby”, le dissi. “Sei un dolce peso, ma non stringermi così il collo.” Portarla oltre la soglia era molto tradizionale.…

La Luna dei Sogni

La Luna dei Sogni di Andrea Marinucci Foa e Manuela Leoni   Tra le leggende che si raccontano a Vadhe, la perla nera della Costa,…

Il Cieco

IL CIECO di Andrea Marinucci Foa “Raccontane un’altra, Sam!” Il vecchio scosse la testa, perplesso. “Sam?” “E’ solo un modo di dire, vecchio mio”, rispose…

La nota e la penna

Tra melodia e racconto spesso c’è perfetta reversibilità espressiva: storie che diventano canzone e poi di nuovo storie. La penna e la nota ci fanno sognare, entrambe.

Sein 1940
Incredibile storia, quella della minuscola isola di pescatori bretoni di Sein (Enez Sun), che rispose alla chiamata di De Gaulle nel giugno 1940: su tre vascelli 150 pescatori raggiunsero l’Inghilterra per entrare nella resistenza. Fu chiamata “un quarto della Francia”, poiché tra quei 600 francesi a farsi subito avanti un quarto venivano da Sein, uno scoglio di mezzo chilometro quadrato in mezzo al mare tempestoso che oggi non raggiunge i 190 abitanti. La leggenda vuole che una notte le donne di Sein strappassero l’isola dalle profondità del mare e la portassero a remi in Inghilterra per riunirsi con i loro uomini, quindi la riportassero all’alba al suo posto.

SEIN 1940

The Lady Leroy
E’ una antica ballata irlandese, profondamente popolare come spirito e tradizionale come tematica, l’amore di due giovani che supera gli ostacoli della differente estrazione sociale e dell’ostilità dei genitori, che si risolve nella fuga avventurosa verso nuove e lontane terre.
Contrariamente alla maggior parte delle altre ballate di questo genere, la storia d’amore su cui è centrata The Lady Leroy non finisce con lo sterminio dei protagonisti, dei loro amici e familiari e degli animali domestici (perché non resta più nessuno per accudirli): il veliero Lady Leroy arriva a Boston e i due amanti superano arditamente tutte le prove che puntualmente vengono poste sul loro percorso.

LADY LEROY

L’Oscura Forfora delle Tenebre

Quinta puntata del demenziale fantathriller urbano. Ci stiamo avvicinando alla fine? Ma neanche per sogno! Le puntate precedenti? 1 , 2, 3, 4.

Atto Primo
Scena Quarta

Lo giuro sulla testa dei vostri figli: non sto prendendo tempo! Quello che vi racconto è tutto collegato alla nostra vicenda. Aspettate e vedrete. D’altra parte mi avete detto di vuotare il sacco. Non è colpa mia se il sacco è bello capiente.

L’appartamento era ancora buio, nonostante il sole stesse sorgendo. La ragazza non accese la luce ma si mosse in punta di piedi ed entrò nel salone con cautela. Era una bionda, giovanissima e dal viso angelico. Il suo abbigliamento non lasciava nulla all’immaginazione: indossava soltanto un paio di calze autoreggenti bianche. Puntò dritta verso il computer.
C’era pochissimo tempo: per fortuna il disco esterno era lì sul tavolo, un affarino da 2,5 pollici che conteneva un terabyte di informazioni compromettenti!
Lo staccò dalla presa USB e si guardò intorno. Dannazione! I suoi vestiti erano rimasti nella stanza da letto e lei non poteva rischiare che Sam si svegliasse. Acchiappò al volo un accappatoio bianco dal bagno, se lo infilò e uscì silenziosamente dalla porta.
L’uomo era di fronte alla casa, appostato dietro un albero. “Ce l’ho fatta, tenente! Ce l’ho qui”, sussurrò la ragazza.
L’uomo sorrise. “Ottimo lavoro, agente. Ma perché sei in accappatoio?”
“E’ una storia lunga”, tagliò corto lei. “Dove hai la macchina?”
“Due isolati da qui”, rispose il tenente. “Adesso…” Un suono soffocato l’interruppe.
Il poliziotto guardò sorpreso la macchia di sangue spargersi sul suo torace, quindi scivolò a terra.
La ragazza restò impietrita dalla shock per un istante, quindi si chinò per aiutarlo. “Tenente? Tenente!”
L’uomo la guardò. “Abbi cura di quel disco. Adesso solo tu puoi…”
“Non può neppure lei”, fece una voce beffarda. Due uomini in uniforme la guardavano da dietro le pistole spianate. Entrambe avevano il silenziatore. “Ma che peccato! Il tenente e la novellina frequentavano un trafficante di droga e sono stati uccisi dal loro stesso compare. Meno male che siamo intervenuti noi e abbiamo preso il cattivo.”
La ragazza si alzò in piedi con il viso distorto dalla rabbia. “Bastardi! Non c’è nulla di più schifoso di un poliziotto corrotto! Come osate portare quell’uniforme!”
“Però, niente male la novellina!”, disse l’altro poliziotto. “Se ce la spassassimo un po’ con lei, prima di liberarcene?”
“No, non possiamo lasciare tracce”, rispose l’altro, con un pizzico di rammarico. Poi guardò la ragazza. “Sono spiacente, ma tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino. Hai ficcato il naso dove non dovevi e adesso sei fritta.”
“Se posi quella pistola, ti farò vedere io chi è fritto! Ti riduco a una polpetta, razza di salame! Ti apro come una noce! Ti spiaccico come una pizza!”

Sì, lo sto facendo apposta. Mi avete rinchiuso in questa stanza degli interrogatori senza nulla da mangiare? E adesso vi godete la fame anche voi.
D’accordo, cinese va bene. Per me doppia porzione di involtini primavera con salsa piccante e manzo con cipolline. E mi raccomando le birre: la serata sarà lunga.
Dove ero rimasto?

I due poliziotti indietreggiarono di un paio di passi, sogghignando, fino a scendere dal marciapiede.
“Che paura! E’ proprio una furia, questa ragazza. Mi dispace quasi premere il…”
Il fuoristrada blu li colpì in pieno, gettandoli a una decina di metri come pupazzi dopo uno spettacolo.
Il finestrino si abbassò e spuntò una testa cornuta. La ragazza impiegò qualche secondo ad accorgersi che si trattava solo di un ragazzo con un elmo vichingo in testa.
Il nuovo arrivato urlò qualcosa in una lingua incomprensibile, quindi ripetè in inglese: “Santa vacca, ho colpito dei poliziotti!”
Lei scosse la testa, come per ritrovare il senno. I due agenti si stavano muovendo: uno di loro cercava di rialzarsi. La giovane prese una decisione improvvisa. Corse alla macchina, aprì la portiera e salì precipitosamente accanto al vichingo. “Via, di corsa!” gli ordinò.
Lui esitò.
“Di corsa, scemo cornuto!” Urlò la ragazza, dandogli una botta sull’elmo. Un foro sul vetro sottolineò le sue parole.
L’auto schizzò via, superando i due poliziotti che le sparavano contro.

(continua)

Il Sogno di Nina

IL SOGNO DI NINA di Manuela Leoni Il bosco odorava di resina, funghi e pacciame sotto la pioggia sottile. Il sentiero si snodava tra i…